concorsi

Funzionari Giudiziari

Scopri tutto quello che c’è da sapere sui concorsi per diventare Funzionario Giudiziario: requisiti di accesso e svolgimento delle prove concorsuali.

Clicca sull’area di tuo interesse per saperne di più:

I requisiti

Per l’ammissione al concorso sono richiesti i seguenti requisiti, che devono essere posseduti alla data di scadenza dei termini di presentazione della domanda di partecipazione nonché al momento dell’assunzione in servizio:

  1. cittadinanza italiana ovvero cittadinanza di altro Stato membro dell’Unione europea.
  2. età non inferiore a diciotto anni;
  3. possesso, nelle classi indicate con riferimento a ciascuno dei profili messi a concorso, della Laurea (L) o del Diploma di Laurea (DL) o della Laurea Specialistica (LS) o, della Laurea Magistrale (LM) o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente;
  4. idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni cui il concorso si riferisce;
  5. qualità morali e di condotta;
  6. godimento dei diritti civili e politici;
  7. non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  8. non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale;
  9. non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;
  10. per i candidati di sesso maschile, nati entro il 31 dicembre 1985, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva secondo la vigente normativa italiana.

TITOLI DI STUDIO RICHIESTI
  • Titoli di studio
  • Profilo funzionario giudiziario/funzionario amministrativo/funzionario dell’organizzazione e delle relazioni
  • Profilo funzionario dell’organizzazione

I titoli a seguire si intendono conseguiti presso università o altri istituti equiparati della Repubblica. I candidati in possesso di titolo accademico rilasciato da un Paese dell’Unione Europea sono ammessi alle prove concorsuali, purché il titolo sia stato dichiarato equivalente con provvedimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica, sentito il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, ai sensi dell’articolo 38, comma 3, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 ovvero sia stata attivata la predetta procedura di equivalenza

  • Laurea (L) in: L-14 Scienze dei servizi giuridici; L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale; L-33 Scienze economiche; L-36 Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  • Diploma di Laurea (DL) in: Giurisprudenza; Economia e commercio; Scienze politiche;
  • Laurea Specialistica (LS) in: 22/S Giurisprudenza; 102/S Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica; 64/S Scienze dell’economia; 84/S Scienze economicoaziendali; 57/S Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali; 60/S Relazioni internazionali; 70/S Scienze della politica; 71/S Scienze delle pubbliche amministrazioni; 88/S Scienze per la cooperazione allo sviluppo; 89/S Sociologia; 99/S Studi europei
  • Laurea Magistrale (LM) in: LMG/01 Giurisprudenza; LM-77 Scienze economico-aziendali; LM-87 Servizio sociale e politiche sociali; LM-52 Relazioni internazionali; LM-56 Scienze dell’economia; LM-62 Scienze della politica; LM-63 Scienze delle pubbliche amministrazioni; LM-81 Scienze per la cooperazione allo sviluppo; LM-88 Sociologia e ricerca sociale; LM-90 Studi europei
  • titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente.
  • Laurea (L) in: L-14 Scienze dei servizi giuridici; L-36 Scienze politiche e delle relazioni internazionali; L-33 Scienze economiche; L-9 Ingegneria industriale; L-40 Sociologia; L- 41 Statistica; L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale; L-24 Scienze e tecniche psicologiche indirizzo psicologia del lavoro e dell’organizzazione del lavoro
  • Diploma di Laurea (DL) in: Giurisprudenza; Economia e commercio; Scienze politiche; Sociologia; Scienze statistiche e demografiche; Ingegneria gestionale; Psicologia indirizzo psicologia del lavoro e dell’organizzazione del lavoro
  • Laurea Specialistica (LS) in: 22/S Giurisprudenza; 102/S Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica; 64/S Scienze dell’economia; 84/S Scienze economicoaziendali; 49/S Metodi per la ricerca empirica nelle scienze sociali; 90/S Statistica demografica e sociale; 57/S Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali; 60/S Relazioni internazionali; 70/S Scienze della politica; 71/S Scienze delle pubbliche amministrazioni; 88/S Scienze per la cooperazione allo sviluppo; 89/S Sociologia; 99/S Studi europei; 34/S Ingegneria gestionale: 58/S Psicologia indirizzo psicologia del lavoro e dell’organizzazione del lavoro
  • Laurea Magistrale (LM) in: LMG/01 Giurisprudenza; LM-56 Scienze dell’economia; LM-77 Scienze economico-aziendali; LM-87 Servizio sociale e politiche sociali; LM-52 Relazioni internazionali; LM-56 Scienze dell’economia; LM-62 Scienze della politica; LM-63 Scienze delle pubbliche amministrazioni; LM-81 Scienze per la cooperazione allo sviluppo; LM-88 Sociologia e ricerca sociale; LM-90 Studi europei; LM-82 Scienze statistiche; LM-31 Ingegneria gestionale; LM-51 Psicologia indirizzo psicologia del lavoro e dell’organizzazione del lavoro
  • titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente.

I concorsi e le prove

Il concorso sarà espletato in base alle procedure di seguito indicate, che si articolano attraverso le seguenti fasi:

  • Prova preselettiva, ai fini dell’ammissione alla prova scritta, comune ai profili professionali;
    • consisterà in un test, composto da quesiti a risposta multipla, di cui una parte attitudinali per la verifica delle capacità logico-matematiche e una parte diretta a verificare la conoscenza delle seguenti materie: diritto amministrativo e diritto costituzionale.
  • Prova selettiva scritta, distinta per i profili professionali, riservata ai candidati che avranno superato la prova preselettiva. Consiste nella risoluzione di quesiti a risposta multipla, si articola, come segue:
    • una parte volta a verificare le conoscenze relative alle tecnologie informatiche;
    • una parte volta a verificare la conoscenza della lingua inglese;

    • una parte volta a verificare le conoscenze rilevanti direttamente riferite al profilo professionale messo a concorso afferenti i seguenti contenuti e consistente nella risoluzione di quesiti a risposta multipla nelle materie: 
      • per il profilo professionale Codice F/MG: diritto amministrativo, diritto processuale civile, diritto processuale penale, ordinamento penitenziario (legge 354/1975, decreto del Presidente della Repubblica 230/2000 e decreto legislativo 121/2018);
      • per il profilo professionale Codice FO/MG: diritto amministrativo, diritto del lavoro, contabilità di Stato, ordinamento penitenziario (legge 354/1975), decreto del Presidente della Repubblica 230/2000 e decreto legislativo 121/2018);
  • Prova orale, per ciascuno dei profili professionali, che dovrà essere sostenuta dai candidati che avranno superato la prova scritta. Consisterà in un colloquio interdisciplinare volto ad accertare la preparazione e la capacità professionale dei candidati sulle seguenti materie:
      • per il profilo professionale Codice F/MG: diritto amministrativo, diritto processuale civile, diritto processuale penale, ordinamento penitenziario (legge 354/1975, decreto del Presidente della Repubblica 230/2000, decreto legislativo 121/2018), elementi di diritto civile, elementi di diritto penale, elementi di ordinamento giudiziario, elementi di legislazione in materia penale minorile;
      • per il profilo professionale Codice FO/MG: diritto amministrativo, diritto del lavoro, contabilità di Stato, ordinamento penitenziario (legge 354/1975, decreto del Presidente della Repubblica 230/2000, decreto legislativo 121/2018), scienza dell’organizzazione, elementi di legislazione in materia penale minorile.

       

  • Valutazione dei titoli, a seguito dell’espletamento della prova orale, in esclusivo riferimento ai candidati risultati idonei alla predetta prova e sulla base delle dichiarazioni degli stessi, rese nella domanda di partecipazione, e della documentazione prodotta.

La preparazione al concorso

STRUTTURA DEL CORSO

Preparazione alle prove scritte e orale:

  • Contabilità di Stato
  • Diritto amministrativo
  • Diritto costituzionale
  • Diritto del lavoro
  • Diritto processuale civile
  • Diritto processuale penale
  • Elementi di diritto civile
  • Elementi di diritto penale
  • Elementi di legislazione in materia penale minorile
  • Elementi di ordinamento giudiziario
  • Informatica
  • Inglese
  • Ordinamento penitenziario (legge 354/1975, decreto del Presidente della Repubblica 230/2000 e decreto legislativo 121/2018);
  • Scienza dell’organizzazione
  • Test logico-attitudinali

Oltre allo studio delle nozioni teoriche, sono previste:

  • Lezioni di grammatica italiana, sintassi e arricchimento del lessico. Redazione dei temi sotto la guida di un docente, che correggerà gli elaborati e li rimanderà indietro con le proprie note di commento, consigli utili per migliorare e un voto finale.
  • Simulazioni delle prove scritte e orale;
  • Spiegazione di tecniche logiche e mnemoniche. Per ogni tecnica sono offerti esercizi pratici, spiegati dai docenti e poi proposti in allegato alle lezioni: tutto è concepito perché le tecniche diventino sempre più naturali e gli allievi sempre più veloci nell’applicarle.

Contattaci

Mondo Concorsi

Da anni, siamo punto di riferimento per tutti coloro che sognano di svolgere un lavoro dinamico, ricco di soddisfazioni.

Il nostro motto? Il concorso non si prova, si vince!
Perché in passato i risultati ottenuti non ci hanno mai smentito: più del 70% dei nostri iscritti supera i concorsi e raggiunge il suo obiettivo grazie ad una formazione di eccellenza, un metodo efficace ed un supporto garantito durante tutte le fasi concorsuali, dalla predisposizione della domanda fino agli step finali.

Che tu scelga di seguire i corsi presso la ns sede o in videoconferenza, garantiamo l’acquisizione di conoscenze e competenze attraverso un metodo di studio efficace, valido non per un singolo concorso, ma per tutti!